Gambero Rosso in Borsa, ecco perchè

Dal 23 novembre, tra i titoli quotati nel mercato Aim, compare Gambero Rosso. Si tratta della prima società multimediale specializzata in ambito enogastronomico a scegliere la via della Borsa, meno di cinque mesi dopo un altro debutto eccellente, quello dei vini di Masi Agricola. L’inizio non è stato dei migliori: il titolo, che partiva da 1,6 euro, ha perso oltre il 10% fin dalle prime battute, assestandosi nel terzo giorno di scambi attorno a quota 1,40. “È uscito un ordine strano a 1,40 fin dalla prima mattina – spiega a Pambianco Wine il presidente della società, Paolo Cuccia – e a quel punto, come accade talvolta, sono scattate le vendite. Non fa piacere, ma la strada è lunga e pensiamo che ci siano tutti i contenuti per dare future soddisfazioni ai nostri azionisti”.

Leggi l’articolo intero su Pambianco Wine

Lonely Planet “boccia” Bolgheri e Sicilia

di Andrea Guolo – Pubblicato su Pambianco Wine, 22 ottobre 2015

La crescita internazionale dell’enoturismo trova conferma dall’ingresso di Lonely Planet, gruppo leader nel comparto media travel con 120 milioni di guide stampate nel 2013 in nove lingue, che uscirà a ottobre con il primo prodotto dedicato in lingua inglese. Si tratta di Wine Trails, 52 itinerari per trascorrere il weekend nelle terre del vino, con l’indicazione di 327 indirizzi dove soggiornare e degustare il prezioso nettare di Bacco.

Clicca qui per leggere tutto l’articolo

Masotti, una fondazione per la Fashion research

Tratto da: Milano Finanza, Mf Fashion, 24 settembre 2015

«Il fashion mi ha dato tanto, ora avverto l’esigenza di rendere alla comunità una parte di quanto ho avuto». Con queste parole Alberto Masotti, ex presidente del gruppo La Perla, ha presentato ieri a Bologna Fashion research Italy, fondazione che promuove la realizzazione di un polo settoriale di eccellenza in Emilia Romagna.

Leggi l’articolo completo

Pelli, picchiata low cost

Tratto da: Pambianco Magazine, 1 settembre 2015

Un calo così rapido delle quotazioni, sul mercato americano, non si osservava dal terribile 2008-09. Riguarda le pelli grezze, materia prima di riferimento per le concerie. La flessione media registrata varia tra il 30 e 40% rispetto a un anno fa e non riguarda soltanto le origini Usa, ma anche altre fonti rilevanti quali Brasile, Australia e Nuova Zelanda. Cosa sta accadendo?

Leggi la versione integrale su Pambianco News

Sulle strade del lusso

di Andrea Guolo – pubblicato su Vogue Italia di agosto 2015

C’è un filo sottile che separa la competizione dalla cooperazione. Quel filo si dipana all’interno dei distretti industriali italiani, ed è il segreto che ha permesso al made in Italy di eccellere nel confezionare vestiti, produrre scarpe, realizzare gioielli. Tante imprese riunite nella stessa area, autentiche “vicine di fabbrica”, si misurano quotidianamente nella sfida del bello, ap­plicata a materiali che esistono da sempre, ma che gli artigiani della Penisola hanno nobilitato e reso unici con estro innato.

Guess chiude le attività produttive nel bolognese

1di Andrea Guolo – pubblicato il 14 marzo 2015 su MF Fashion

Guess (nella foto, un adv) chiuderà entro due o tre mesi lo stabilimento di Crevalcore, nel bolognese, e sposterà nella filiale di Firenze le attività di ricerca stilistica, prototipia, acquisti e controllo qualità della linea di abbigliamento premium Marciano Guess.

Continua a leggere l’articolo